Seguire un attacco su Raitre

1451652391046_rainews_20160101134150394

Ieri sera mi sono messo a seguire il vortice di notizie che arrivava da Monaco, comprensibilmente in ansia, come potrete immaginare. Non è che Monaco da Francoforte sia proprio dietro l’angolo, ma una cosa così su suolo tedesco in anni recenti non si era mai vista, e si veniva da Bataclan e da Bruxelles e da Nizza – e insomma, potete capire.

Ho seguito principalmente tre cose: la diretta del TG3, quella di ARD (aka Das Erste, praticamente la Raiuno tedesca), e gli aggiornamenti su Facebook e Twitter. Un paio di cose interessanti, in mezzo alla concitazione e all’ansia, le ho notate.

Ad esempio, le foto e i video.

Quasi subito hanno iniziato a girare immagini del centro commerciale in cui ha avuto luogo l’attacco, rilanciate da buona parte della stampa. Poco più tardi di quasi subito, però, si è anche capito che quelle immagini erano false, roba che non c’entrava niente ma data per buona nell’isteria collettiva.

Ora, la cosa che ho pensato mentre quei filmati venivano mandati dalle tv è stata “ma se lo so io che sono bufale, vuoi che non lo sappia una redazione di un telegiornale?”. E mi è venuto il sospetto che magari lo sapessero, ma che alla fine dai, sono scene d’impatto e sembrano vere, quindi chi se ne fotte.

Il TG3 quelle immagini le ha trasmesse.

ARD no.

Sui social, poi, molti hanno postato i tweet e gli status della Polizia di Monaco, che pubblicava aggiornamenti – in più lingue, tra l’altro – a cadenza molto ravvicinata.

Uno degli status pubblicati invitava le persone a non condividere online video e foto, per evitare di aiutare in alcun modo gli assalitori – questo qui:

Schermata 2016-07-23 alle 18.46.21

ARD (e la stragrande maggioranza dei media tedeschi) non ha mostrato nulla, e anzi alcuni italiani a Monaco intervistati da Canale 5 e altre reti dicevano che seguivano la vicenda sui siti nostrani perché “i media tedeschi rispettano l’embargo e quindi non sappiamo nulla”.

Le tv italiane, invece, alè.

E per carità, io lo capisco che un attentatore tedesco in terra tedesca è difficile che si metta sul telefonino a controllare cosa dice Repubblica.it, ma è anche vero che nelle dinamiche dell’informazione, oggi, barriere linguistiche/nazionali di questo tipo non esistono più, e le gallery postate a Milano o Sydney vengono riprese e rilanciate in cinque minuti a Berlino o New York. Quindi, ecco: se quelli che stanno cercando di risolvere questa cosa pazzesca e assurda ti dicono che, forse, è meglio se non diffondi informazioni che in qualche modo possono dare una mano a chi sta andando in giro a sparare alla gente, magari anche se non ti trovi proprio in loco stalli a sentire.

Un altro tweet della Polizia di Monaco chiedeva di evitare di lanciarsi in speculazioni e ipotesi prive di fondamento, visto che praticamente non si sapeva nulla di chi fosse l’assalitore, se ce ne fossero altri, quale fosse la matrice dell’attacco.

Sui media italiani parecchi ospiti già costruivano ardite architetture analitiche che collegavano Isis, Nizza, la Turchia e Monaco di Baviera, l’ondata del terrore islamista, “siamo in guerra” – con addirittura alcuni esperti che si dicevano sicuri dello stampo islamico dell’attentato grazie a fonti superaffidabili che poi uno vede meglio e scopre che è un post di Magdi Allam.

Su ARD, due giornalisti in collegamento da Monaco che ripetevano quanto comunicato dalla polizia, la diretta della conferenza stampa del portavoce e un esperto a Berlino che commentava le notizie divulgate dal Ministero dell’Interno.

Ora, io non è che voglio strumentalizzare una tragedia come quella di ieri per tirare in ballo il solito discorso del declino dell’informazione italiana, però datemi retta: quando capitano cose del genere, se potete seguite altro. Se pure Rai News, Repubblica, Mentana o Berlinguer non sono distinguibili dalla Bild, non c’è speranza.

#Brexit, o dei nostri fallimenti

brexit1

Ian Bremmer, esperto di politica internazionale e autore di numerosi volumi sul tema, venerdì mattina ha pubblicato sul suo profilo Facebook due immagini, due screenshot presi da ITV.

Si tratta delle word cloud dei post sui social network a supporto di Leave e Remain, e secondo me aiutano parecchio a capire. Non tanto il come e il perché della Brexit – per quello ci vogliono analisi lunghe, complesse e strutturate – quanto piuttosto come si è costruita la comunicazione diffusa su questo voto, come ha giocato la propaganda, come ha funzionato da una parte e come ha fallito dall’altra.

Questa la word cloud dei post a sostegno del Leave:

Leave

A pensarci, niente di particolarmente nuovo: fin dall’inizio la campagna dei Leavers si è mossa aggressivamente sul tema del controllo dell’immigrazione, sugli “stranieri  che vengono a rubarci il lavoro e a vivere di benefit“, e sull’ondata di paura e preoccupazione che la crisi dei migranti ha suscitato più o meno ovunque in Europa. Semplificando molto, si potrebbe dire che chi ha votato Leave voleva tornare “padrone a casa propria” (We want our country back), riprendendosi le chiavi del portone da qualche fantomatico burocrate di Bruxelles che se l’era intascate.

Molto più interessante, e rivelatrice, è invece la word cloud dei post a sostegno del Remain:

Remain

Ecco, secondo me è qui, in quel gigantesco economy che campeggia al centro, che possiamo capire due cose che sono il cuore del problema.

La prima, è che evidentemente non siamo riusciti a spiegare a sufficienza come la questione dell’unione economica – di valuta, per prima cosa, e poi di tutto quel che ne consegue: di politica fiscale, di politiche del lavoro eccetera – sia per forza il primo passo, quello decisivo, quello da cui partire. Gli accordi da cui poi è derivata l’UE erano in primo luogo commerciali proprio perché, storicamente, c’è una forza che si è dimostrata più forte ed efficace di altre nell’avvicinare comunità diverse e nello scongiurare la degenerazione violenta dei conflitti, ed è il mercato. Creare un mercato comune, in cui persone e beni possano circolare liberamente, significa ampliare sempre di più la concorrenza e la sua spinta progressista, perché non ci son santi: funziona così, ne abbiamo le prove. I mercati aperti, che ovviamente non vuol dire senza alcuna regola né totalmente slegati dal contesto sociale perché questo – nonostante quello che ripetono in molti – non l’ha mai detto nessuno, sono meglio di quelli chiusi, punto.

Tutto questo, però, non l’abbiamo spiegato, o l’abbiamo spiegato male, o non abbastanza. E così, quando si sente parlare di “economia” si storce il naso e si prova un’istintiva diffidenza, come fosse una roba brutta.

Ma c’è un’altra cosa che questa word cloud ci rivela. Ci mostra, impietosamente, un altro fallimento: non siamo stati capaci di raccontare quanto altro c’è, nell’Unione Europea.

Non siamo stati capaci di spiegare come Unione Europea vuol dire che se voglio andare a vivere in Francia o in Olanda, posso; che quando sono lì, ho dei diritti che altrimenti non avrei; che i miei titoli di studio e le mie qualifiche lavorative verranno riconosciuti; che se sto male, posso farmi curare lì; che non finirò sulla linea del fronte di una guerra; che posso votare alle elezioni locali – e  che pure se odio chi è diverso da me, queste cose valgono anche per me e per i miei figli.

Che tanta strada è ancora da fare, insomma, ma l’obiettivo è quello, una cittadinanza europea pienamente compiuta, pienamente realizzata.

Io non lo so se le cose sarebbero andate diversamente se tutto questo l’avessimo spiegato bene e in maniera efficace; fose ha ragione Luca Sofri, quando dice che “non si può sconfiggere la sospensione della ragione e della logica con strumenti di ragione e logica“.

Ma so che, oltre a un ceffone tremendo, Brexit ci lascia anche con del lavoro da fare: impegnarsi perché l’Europa diventi una cosa sempre più bella, buona e giusta, perché migliori ma ricordando bene che senza è peggio, per tutti. E così, magari, la prossima volta – se mai ce ne sarà una – la word cloud del Remain avrà altre parole grandi come economy: rights, lì in alto, o future più in basso al centro.

E magari, in primo piano e bello grosso, opportunity.

 

Lettera del giorno dopo

generateThumb

Caro Matteo,

una cosa che ho sempre apprezzato di te è il coraggio di riconoscere la sconfitta.

Io me lo ricordo benissimo il concession speech che facesti nel 2012, quando perdesti il ballottaggio con Bersani alle primarie, e ad ascoltarti pensai che ero orgoglioso di averti sostenuto, che probabilmente c’era davvero spazio nel PD anche per uno come me, e che insomma potevo stare tranquillo: il futuro del partito – che, ero e sono convinto, passava da te – era in buone mani.

Per questo mi ha rassicurato, questa mattina, leggere sui giornali che non ti nascondevi dietro quelle formule un po’ ipocrite a cui avevamo fatto l’abitudine in passato, quei “comunque abbiamo tenuto”, quei “gli elettori non ci hanno capito”, quei “comunque abbiamo vinto a Vergate sul Vattelapesca, un dato importante da non sottovalutare”, tutte quelle non-vittorie che sapevano più di rifiuto della realtà che di analisi ragionata del voto. No, è stata una sconfitta netta e senza attenuanti, in due città cruciali come Roma e Torino, e mi ha confortato sentirtelo dire con certezza, senza esitazioni. Sai, quella storia che riconoscere il problema è il primo passo sulla via della guarigione, hai presente, no?

In quello che ho letto stamattina, però, ci sono anche due cose che non mi sono piaciute molto, Matteo.

Dici che il voto a Torino e a Roma è un voto dovuto alle circostanze locali, non è un voto contro di te. Ecco, secondo me qui ti sbagli. Certo, è vero che le amministrative vanno sempre analizzate in base alle dinamiche specifiche dei comuni in cui si vota, è vero che è bene tenere distinti il piano locale e quello nazionale, ma stavolta gli elettori si sono polarizzati su di te, Matteo: non credo che ci siano state altre elezioni amministrative in cui i programmi dei candidati siano finiti così in secondo piano rispetto alla situazione nazionale del PD e del suo leader. Era successo anche alle Europee 2014: lì era andata bene, stavolta no.

Ora, io lo so che di solito in questi casi ci si lancia in un’analisi della sconfitta introducendola con il più classico dei “il problema è politico”, però io per una volta vorrei andare controcorrente: sì, magari il problema è politico, ma secondo me è soprattutto di comunicazione.

Perché questa sconfitta, credo, è figlia soprattutto dei “gufi rosiconi” e dell’ “Italia dei No”, quella retorica costruita su formule accattivanti e un po’ strafottenti che magari le prime due volte ti fanno sorridere, ma alla terza ti fanno dubitare se oltre alle battute ci sia qualcos’altro. Io lo so che c’è altro, molto altro, ma continuare a ripetere quelle litanie non lo fa venire fuori, anzi: significa al contrario nasconderlo, rinunciare a raccontarlo, a spiegarlo.

E’ per questo che dico che il voto è contro di te, Matteo: perché continuando con quelle battute, siamo arrivati al punto che basta che tu dica una cosa, una cosa qualunque, perché una moltitudine si metta per principio dalla parte opposta, senza nessun riguardo per il merito della questione, ma solo in base a quello che hai detto tu, perché lo hai detto tu. E’ politica, certo; ma è anche politica saper regolare il proprio linguaggio per non cadere in queste trappole.

Ecco, secondo me scegliendo di insistere con quella retorica lì hai offerto il fianco. Hai permesso che quel fronte, dentro e fuori il partito, si compattasse sfruttando ogni occasione possibile per farti pagare questo atteggiamento da bullo, e al diavolo tutto il resto.

Smettila di fare il bullo, smettila di parlare di “gufi rosiconi”: a chi ti critica, rispondi argomentando, non con le battute. In questo modo non solo riuscirai a distinguere le obiezioni costruttive e sincere da quelle strumentali e interessate, ma svuoterai l’arsenale di chi non aspetta altro che una tua sparata per girarsi verso il pubblico e dire “Vedete? Io ho solo posto una questione, e vengo trattato così”, ridendo sotto i baffi – o i baffetti.

Lo so, lo so: si tratta delle stesse persone che rispondevano pure peggio a chi osava criticarli, a chi osava sostenere una posizione diversa. Me lo ricordo bene, io, quando ero uno di quelli che “dovete stare zitti, perché siete giusto il 2% del partito”, quando ero uno degli “alieni” che gli stavano “rubando il partito”. Ma tu sei il Segretario, il tuo compito è cambiare le cose, non usare la stessa moneta; tu sei il Presidente del Consiglio, tocca a te convincere gli elettori – tutti gli elettori, non solo “i nostri” – a votarti. E per farlo devi cambiare registro, letteralmente.

Un’altra cosa non mi è piaciuta, però, ed ha più a che fare col partito.

Molti ti hanno criticato per aver parlato di lanciafiamme. Io invece ti dico: portalo il lanciafiamme, Matteo, ma pure il napalm, guarda. In moltissime realtà locali il partito andrebbe più o meno azzerato e ricostruito da capo, e averci rinunciato una volta eletto Segretario è stato secondo me un errore. Fino a lì doveva arrivare la rottamazione, non fermarsi alle porte dei circoli lasciando che dentro tutto continuasse come prima.

Non attendo altro che tu metta finalmente mano al partito, dunque, ma oggi leggo che intendi farlo partendo dall’organizzazione del referendum, “per capire chi lavora nei territori, chi sono gli alleati interni di cui ci si può fidare”.

Ecco, Matteo: no. Non è questo quello di cui abbiamo bisogno, come partito, di “gente di cui ci si può fidare”. Abbiamo bisogno di una classe dirigente, che abbia competenze e consapevolezza del suo ruolo, dotata di realismo e in grado di attrarre le persone, che conosca il territorio su cui opera e sappia lavorare ai compromessi che la politica richiede, che conosca la tattica e la strategia ma non ne rimanga imprigionata. Quelli di cui “ci si può fidare” erano tutti bersaniani nel 2012, e sono diventati renzianissimi nel 2013: e guarda adesso come stiamo messi.

Sono solo i miei due cents, naturalmente; ma prendili come i due cents di uno del tuo partito, uno che si sente liberale e di sinistra, e che ha ancora fiducia in te.

Un caro saluto,

Edoardo

Io, forse, l’avrei comprato

mk

Parecchi anni fa, a Torino, un pomeriggio me ne andai alle bancarelle di libri usati di corso Siccardi e mi comprai una copia del Mein Kampf.

Era un periodo che mi ero messo in testa di scrivere una cosa sulla biopolitica e sulla metafora organicistica, l’immagine dello stato come corpo, e su come il nazismo porti questa metafora all’implosione, la trasformi da metafora a organizzazione statuale autentica e concreta – per citare Roberto Esposito, come il nazismo rappresenti una forma di “biologia politica realizzata”. Quindi, chiaramente dal Mein Kampf toccava passare.

Quella che trovai era un’edizione vecchia, del 1971, naturalmente con l’obbligatorio disclaimer nella prima pagina e nella quarta di copertina (“Questo libro viene ripubblicato oggi affinché l’uomo rifletta, giudichi e non dimentichi gli orrori che da esso scaturirono” – tutto maiuscolo). Mi misi a studiarla, sottolineando e segnandomi tutti i passaggi che mi sarebbero serviti per questo articolo sulla biopolitica. Ma dopo un po’ mi resi conto che c’erano certe pagine che mi lasciavano una sensazione strana addosso, un misto da un lato di inquietudine – prevedibile, dato il testo – e dall’altro di già sentito, di familiarità, invece decisamente inaspettata. E non si trattava neanche delle pagine che uno si immaginerebbe, quelle più feroci e truculente, ma di quelle un po’ più contenute, più blande – oddìo, se possono esserci pagine “blande” in un libro come il Mein Kampf.

A un certo punto capii qual era il problema: quando, dopo aver riletto una di quelle pagine, mi ritrovai a pensare “Ah, ma questa cosa mi pare di averla già sentita, uguale uguale, detta da qualcuno qualche giorno fa”. Quando realizzai che, su 260 pagine circa, una metà buona erano concetti, idee e formulazioni che ognuno di noi ha sentito mille volte al bar, sul pullman, per strada, magari anche a una cena in famiglia. Attenzione però, ripeto: non le cose più violente – “So ben io cosa ci vorrebbe, questi ladri farabutti, metterli tutti al muro e una bella scarica di mitra, altroché!”, avete presente no? – ma quelle più pacate, più sobrie, più “di buon senso”.

Ed è stato in quel momento che mi è venuto in mente un piccolo esperimento didattico-pedagogico: dare a un gruppo di ragazzi delle superiori un tema, in cui gli si chiede di commentare una di quelle pagine lì, ma senza rivelargli l’autore. Ecco, io sono sicuro che la stragrande maggioranza dei temi alla fine direbbe cose come “Sì, è vero, l’autore ha ragione perché è importante che uno degli obiettivi dello stato sia difendere e rinsaldare la fibra etica del suo popolo contro chi invece pensa solo al proprio interesse, e infetta così tutto il corpo della nazione come un virus che porta inevitabilmente alla malattia morale e alla morte, eccetera eccetera”. Poi, una settimana dopo, riportare in classe i temi, distribuirli e rivelare chi è, “l’autore”. E vedere cosa succede.

Perché se c’è una cosa che ormai abbiamo interiorizzato in maniera così profonda, intima ed inestirpabile da renderla una verità immediatamente autoevidente è proprio questa: quello lì, “l’autore”, è il Male. Tanto che per noi si tratta essenzialmente di una tautologia: non è che fosse cattivo, non è che fosse malvagio – era il Male, punto. Quindi da quel lato lì siamo abbastanza schermati, abbastanza protetti: al netto di una quota tutto sommato numericamente trascurabile di nostalgici e pazzi, è estremamente difficile trovare uno che non associ immediatamente il nazismo al Male, quello proprio con la M maiuscola, assoluto e totale.

E scoprire che, invece, noi stessi abbiamo usato quattro pagine fitte fitte di foglio protocollo per spiegare come fosse saggia e giusta una cosa che proviene direttamente dalla bocca dell’inferno, dal Male più Male che riusciamo a immaginare, secondo me avrebbe un salutare effetto di shock. Perché ci ricorderebbe che quello lì, “l’autore”, era sì il Male, ma non era diverso da noi, non era un’altra cosa, diversa e mostruosa: e la distanza che abbiamo interposto fra lui e noi, fra la sua sostanza e la nostra, in realtà non esiste.

Quello lì era come noi: potremmo essere noi.

Non era né un demonio né un titano: era uno che diceva cose che ognuno di noi ha sentito mille volte al bar, sul pullman, per strada, magari anche a una cena in famiglia. E chissà, magari qualche volta le abbiamo pure dette, quelle cose, senza pensarci troppo su perché ci sembravano “di semplice buon senso”.

Ecco, probabilmente sarà una terribile banalità, ma a me leggere il Mein Kampf molto più che ad Adolf Hitler ha fatto pensare ad Adolf Eichmann, e ad Hannah Arendt.

 

Insomma, tutto questo per dire: sì, sarà stata sicuramente una squallida manovra di marketing, sarà stata sicuramente una provocazione becera e offensiva, però io forse il Giornale dell’altro giorno l’avrei comprato. Magari alla fine no, ma forse invece sì.

Io se fossi romano

Roma

Napoli, con De Magistris dato più o meno da tutti come vincente già al primo turno, la do per persa, ma già dal 2011.

Milano boh, è veramente incerta, chissà; e Torino dai, nonostante tutto, credo proprio che sia davvero improbabile che Fassino non ce la faccia. (E comunque, potessi, a Milano voterei Teresa e a Torino Davide, per la cronaca.)

Ma Roma, ecco, Roma è proprio complicata.

Io all’inizio mi ero fatto in testa un film ben preciso, e cioè: da una parte Grillo candida Raggi perché sa benissimo che quel profilo lì può acchiappare a destra, dall’altra Raggi dice cose che sembrano proprio parlare a quella parte lì, e infine Berlusconi candida uno come Bertolaso – una mossa il cui sottotesto a me sembrava essere uno solo: vincere non possiamo né ci interessa, visto il casino che è Roma, e quindi noi vi candidiamo uno invotabile, perché Bertolaso lo odiano tutti indistintamente; dunque, voi romani di destra che piuttosto che votare a sinistra vi tagliate la mano ma uno come Bertolaso lo detestate fatevi due conti, e votate Raggi.

Poi però c’è stato il momento dell’incertezza, vi ricordate, quando il Cav era indeciso se proseguire con Bertolaso o sterzare su Meloni, e a me sembrava che l’ipotesi Meloni fosse fatta apposta per creare furbescamente problemi a Raggi – visto che in parte i bacini elettorali delle due candidate sono sovrapposti.
Ma poi quello se n’è uscito con la mossa del cavallo pazzo – mollare Bertolaso e Meloni e candidare Alfio – e io ho proprio pensato che in realtà era una cosa molto astuta. Brutta eh, ma astuta.

Perché candidare uno come Marchini, che potenzialmente prende da tutti i bacini elettorali, significa certificare l’impossibilità che qualcuno vinca al primo turno, ridurre parecchio i distacchi fra tutti e aprire ufficialmente l’opzione “Casino Totale” per il ballottaggio. È, insomma, un modo per aumentare il proprio peso: in uno scenario in cui comunque non puoi vincere, almeno rompi i coglioni un po’ a tutti.

Quindi, davvero chi lo sa come va a finire lì.

Comunque, nonostante l’incertezza, io se fossi romano a questo giro sarei contento.

Perché per una volta andrei a votare soddisfatto della crocetta che metterei, e dei nomi che scriverei.

Metterei la crocetta su Giachetti sindaco – e chi ogni tanto passa di qui sa già perché – e soprattutto scriverei due bei nomi per il consiglio comunale.

Uno è quello di Anna Paola Concia, l’altro quello di Alessandro Capriccioli, aka Metilparaben.

Io se fossi romano lo farei, e sarei contento.

Amici romani, se domenica voi che potete lo farete, secondo me poi sarete contenti anche voi.

#CiaoMarco, e però

marco-pannella-4-576744_tn
Sì, la tristezza, il dispiacere e il dolore, la sensazione che d’ora in poi a far certe battaglie si sarà un po‘ più soli, ma devo confessare che a me la notizia della morte di Marco Pannella ha fatto soprattutto salire su una enorme, furiosa ed insopprimibile rabbia.
Rabbia non perché sia morto – chi non se l’aspettava, conciato com’era? – ma per lo spettacolo di emozione e commozione che si sta consumando nei media, sui social, ovunque.
Intendiamoci: Pannella meritava, e merita ora, questo e ben altro. Ma molti di quelli che stanno intasando timeline e bacheche con #CiaoMarco sono gli stessi dei Davigo, dei Travaglio, di “buttate via la chiave!”, di “No, questi referendum li ha firmati pure Berlusconi quindi sono contrario”. Gente che pensa cose che Pannella riteneva, giustamente, abominevoli, e che potesse tornerebbe in vita un paio di giorni solo per andare in giro, trovarli uno per uno e prenderli metaforicamente a ceffoni.
Con questo non voglio dire, naturalmente, che ci sia un diritto esclusivo al ricordo e alla celebrazione, che solo chi la pensa come lui possa oggi commemorarlo – e anzi, bene se nel frattempo si è cambiato parere: ma farne un altro santino del nostro Pantheon senza avere la minima idea delle cose che diceva e per cui si batteva è proprio il modo peggiore di ricordarlo, e invece il modo migliore per neutralizzarlo e renderlo inerte, innocuo. Rinchiuderlo con i referendum sul divorzio e sull’aborto in una teca del Museo dei Padri della Patria, e dimenticarselo lì, a prendere polvere. Inutile e inoffensivo.
Una cosa che fa incazzare moltissimo me, che condivido tante delle sue idee ma non amavo particolarmente i suoi metodi,  figuratevi lui.

Ma fosse stato vero, cambiava qualcosa?

virginia-raggi-786907

La spiegazione piuttosto innovativa data da Erasmo d’Angelis, direttore dell’Unità, riguardo alla supposta partecipazione della candidata M5S a Roma Virginia Raggi a Meno male che Silvio c’è, indimenticato e indimenticabile spot di Forza Italia per la campagna elettorale del 2008, a me non ha fatto scattare quella cosa di “Ma come avete ridotto il giornale di Antonio Gramsci!” che, noto, è ormai riflesso automatico per molti.

Non l’ha fatto perché credo di essere abbastanza immune dal complesso del Pantheon, così diffuso a sinistra – e quindi non mi viene da mitizzare né l’Unità né tantomeno Gramsci, perché ho proprio un grosso problema coi santini e gli album di famiglia da sfogliare sospirando.

Mentre però un sacco di gente si dedicava con sforzi degni di miglior causa o a rivedere il video per capire se era davvero lei, oppure a redigere paginate sui social per deprecare la fine della sinistra, a me ha colpito un’altra cosa.

Mi ha colpito che quasi nessuno si sia posto quella che, secondo me, è la vera domanda.

E cioè: ma veramente l’eventuale partecipazione 8 anni fa di un avversario politico – come Raggi – a un’iniziativa di campagna elettorale per Berlusconi è utilizzabile come argomento?

Sul serio il punto è “ma è vero oppure no?”

Sul serio il punto è quello, e non invece che una cosa del genere possa essere ritenuta un appiglio credibile per mettere in difficoltà il proprio competitor?

Insomma, ancora à la guerre comme à la guerre – perché certe eredità concettuali che la diade berlusconismo/antiberlusconismo ci ha lasciato in dono facciamo veramente fatica a buttarle via, e invece quanto staremmo meglio senza.