La paura contro la paura, o il giorno dopo la sconfitta

PD

Più o meno quattro anni fa questo blog, nella persona del suo tenutario, scriveva un post in cui fra l’altro si diceva, parlando dell‘elettorato M5S, questo:

Dall’altro, però, si intravede già il rischio a sinistra di ripetere l’errore capitale fatto negli ultimi vent’anni, e trasformare chi ha votato Grillo nel nuovo “spettatore di Rete4”: quello che ha votato Berlusconi e quindi noi, che siamo pur sempre l’Italia Giusta, quella antropologicamente diversa, quella che “la televisione non la guardo mai – manco ce l’ho – al massimo qualche volta Raitre”, il suo voto non lo vogliamo, non è alla nostra altezza, non merita di votarci.

 Il rischio, cioè, di una nuova questione morale all’orizzonte, una nuova categorizzazione antropologica che replicasse semplicemente la repulsione che per anni abbiamo avuto per chi votava a destra: quella repulsione che alimentava valanghe di “ma chi è che vota Forza Italia, non lo confessa nessuno, non è che si vergognano?”, di “se vince Berlusconi espatrio”, di chi diceva che per votare quelli lì dovevi essere per forza un mafioso o un colluso o come minimo un evasore, se ti andava bene solo uno stupido ignorante. Una gigantesca battaglia cosmica in cui da una parte c’eravamo noi, i Buoni, e dall’altra parte l’abisso della barbarie (televisiva), da guardare con sdegno sprezzante e la ferma consapevolezza di non essere come “loro”.

Qualcuno provava a dircelo, che questa roba non funzionava, che era proprio l’atteggiamento che garantiva a Berlusconi di continuare a vincere, e forse a un certo punto l’abbiamo capito. Solo che alla fine, invece di cambiare atteggiamento, abbiamo semplicemente cambiato bersaglio. Secondo voi è un caso che oggi, all’indomani di una sconfitta senza precedenti per il PD e una vittoria ugualmente inaudita di M5S (e Lega) si assista di nuovo all’invasione dei meme “espatriamo” e degli hashtag tipo #ItalyIsOverParty?

Nei giorni scorsi, assistendo alla ripresa di Berlusconi, molti scherzavano dicendo che sembrava di essere tornati nel 1994: a me invece sembra che siano proprio le reazioni di questo tipo a ricatapultarci indietro, a dimostrazione che non impariamo mai. Avevamo finalmente imparato che quella roba lì non funziona, ed eccoci invece un’altra volta a ritirar fuori tutto l’armamentario: Bene vs Male, “Noi” come “ultimo baluardo di fronte alla barbarie” eccetera eccetera. Davvero pensavamo che fomentare il clima da Armageddon, da Scontro Finale aiutasse? Davvero pensavamo che sfottere Di Maio per i congiuntivi fosse una buona strategia di comunicazione politica? Davvero pensavamo che trattarli tutti come decerebrati fosse la chiave per vincere?

Perché alla fine si è trattato, per certi versi, di grillismo con altri mezzi: l’idea era di rispondere alla paura con la speranza, invece abbiamo anche noi usato il frame della paura – solo che invece dell’Europa o dei migranti l’abbiamo appiccicato addosso ai nuovi barbari che premevano alle porte.

Ora, magari questo è davvero un mutamento sistemico, di certo è una sconfitta epocale per il PD, e la responsabilità è sicuramente di tantissimi – è sicuramente nostra – ma secondo me questa cosa va tenuta a mente, anche e più di tutti i regolamenti di conti interni che sicuramente inizieranno e di tutte le discussioni sugli errori di posizionamento (bisognava essere più di sinistra, no bisognava esserlo di meno). Per questo motivo a me non convincono granché le analisi di queste ore, secondo cui saremmo di fronte alla dimostrazione numerica che “l’Italia è un Paese di destra”: perché è lo stesso Paese che nel 2014 – ok, una vita fa, ma alla fine son solo quattro anni – alle Europee diede al PD il 40%. Non è che l’Italia sia un Paese di destra: è che è un Paese complesso, ampio, stratificato e diversificato, in una fase molto particolare e critica a livello sociale ed economico che coinvolge tutto il continente e probabilmente tutto il mondo, in cui tra l’altro il voto è sempre più volatile e mutevole, sempre più una variabile di opinione momentanea e non di appartenenza radicata.

E stamattina, a leggere un po’ di queste analisi, a me è venuto in mente Jon Stewart, il famoso comico americano, e una cosa che disse quando Trump vinse la corsa alla Casa Bianca.

Talking to Charlie Rose on CBS This Morning’s November 17 show, Stewart chose his words carefully to describe how he felt after Donald Trump’s presidential election victory. While Rose tried to get him to say he might be afraid in this new reality, Stewart pushed back against the idea that we are now living in a “fundamentally different country” than we were before the election happened.

“The same country, with all its grace, and flaws, and volatility, and strength, and resilience exists today as existed two weeks ago,” Stewart said. “The same country that elected Donald Trump elected Barack Obama.”

Siamo sempre noi. E dire che quelli lì han votato M5S o Lega perché sono razzisti, ignoranti, antivax, pro-fake news o emuli di Putin è un alibi comodissimo ma incredibilmente controproducente, oltre che fallace e semplicistico.

L’avevamo capito con Berlusconi, l’abbiamo dimenticato con Grillo e i suoi.

Cerchiamo di ricordarcelo.

Annunci

Sì, e due pensierini per dopo

boschi-maria-elena

Questo blog, nella persona del suo tenutario, vota Sì al referendum costituzionale del 4 dicembre – anzi, per la precisione ha già votato, visto che chi vive all’estero ha dovuto rispedire le schede ai consolati nei giorni scorsi.

Vota Sì per parecchi motivi, che in tanti hanno saputo mettere per iscritto con molta efficacia: motivi nel merito della riforma, motivi di ordine più prettamente politico, motivi di respiro più ampio, e motivi che li raccolgono un po’ tutti quanti.

Poi, se volete approfondire ulteriormente, potete dare un’occhiata anche alla sezione dedicata alla riforma e al referendum sul sito del PD Germania: questo blog – sempre nella persona del suo tenutario, che del PD Germania fa parte – ha collaborato alla creazione e alla pubblicazione del materiale, un tentativo di spiegare perché votare Sì fornendo dati e argomentazioni ragionate al di là degli slogan e dei “moriremo tutti” del caso.

Ora che ci siamo tolti il pensiero della dichiarazione di voto, un paio di altre considerazioni però val la pena di farle.

Da iscritto PD, questa campagna referendaria è stata abbastanza demoralizzante.

Se passate di qui forse lo sapete, gli scontri interni e la dialettica anche molto aspra non mi spaventano, anzi: penso siano legittimi, comprensibili e necessari, se un partito deve essere uno spazio contendibile.

Quello che mi spaventa, però, è l’incapacità di separare i momenti, di distinguere la fase rituale in cui ci si scanna e quella – successiva – in cui invece si collabora con chi dallo scontro è uscito vincitore e ha guadagnato il diritto di rappresentare “la linea” del partito.

Questa incapacità, purtroppo, è un marchio di fabbrica della sinistra italiana, ed ha come spiacevole conseguenza che praticamente ogni dieci minuti c’è nel PD un regolamento di conti che si trascina dall’ultimo Congresso, o un anticipo del prossimo.

A me fa piacere che, stavolta, una ricomposizione ci sia stata (anche se non con tutti); meno, però, che a farne le spese sia stato quello che per me era il punto di forza dell’Italicum, il doppio turno/ballottaggio. Infatti, non solo un ballottaggio a due tende a favorire una bipolarizzazione del sistema (che per me è un bene, però se ne può discutere), ma fornisce anche una ulteriore “legittimazione popolare” al premio di maggioranza, dato che per vincere bisogna prendere la maggioranza assoluta dei voti: non dobbiamo fare l’errore, infatti, di pensare che il voto espresso al secondo turno sia in qualche modo “meno valido” di quello espresso al primo turno. Comunque, ora a quanto pare il ballottaggio è storia, vedremo se – come io mi auguro – si riuscirà in qualche modo a farlo tornare.

Anche come semplice osservatore, però, non c’è stato molto da star allegri.

Naturalmente ci sono state belle eccezioni, ma l’impressione da parte di entrambi gli schieramenti è stata che l’obiettivo principale, più che di convincere la gente, fosse caricare a palla la propria fandom, in un crescendo di cori da stadio, slogan e parole d’ordine che nella quasi totalità dei casi sono risultati essere delle cazzate micidiali – con una per me leggera prevalenza, non me ne vogliano, da parte dei sostenitori del No.

Una scelta di comunicazione che ha completamente trascurato quello che avrebbe dovuto essere il vero obiettivo, gli incerti/indecisi: invece di puntare a conquistare quelli, si è preferito rinforzare e compattare i propri ranghi, spostando la disputa su toni di grillismo andante che è poi LA sconfitta per tutto il dibattito pubblico, non solo per la sinistra e per il PD.

Poi per carità, non sono mancate fortunatamente le discussioni valide e interessanti, nel merito (tecnico e politico) e con gente che aveva voglia di confrontarsi, e non solo e necessariamente di litigare o insultare – sono abbastanza sicuro che più o meno tutti ne abbiamo fatte almeno un paio: e questo, in qualche modo, fa ben sperare.

Una cosa però: l’argomento “eh ma voti come [inserire nome proprio di Male Assoluto]!”, corredato magari di foto di Renzi e Verdini da una parte, e di Anpi e Forza Nuova dall’altra, lasciatelo stare. Perché un uomo molto saggio, tanti anni fa, ci spiegò che “en politique on peut choisir ses ennemis, on ne peut pas choisir ses alliés”.

Del progresso morale e civile degli italiani, o di una foto di Luigi Di Maio

Ci sono alcuni momenti, nella vita di una nazione, in cui l’opportunità di un autentico progresso civile, sociale e culturale si presenta nel modo più inaspettato, come un dettaglio secondario, un particolare da trafiletto di penultima pagina.
Rivela molto dell’Italia di oggi che un’occasione di questo tipo si sia materializzata, in questi giorni, in forma di fotografia di Luigi Di Maio, Vicepresidente della Camera dei Deputati e uno dei leader in pectore del Movimento 5Stelle. 
La vicenda probabilmente la sapete: ospite in Campania di un evento per il No al referendum del 4 dicembre, Di Maio va poi a cena in un ristorante e si fa una foto insieme a uno dei proprietari del locale – che va tutto bene, non fosse che quest’uomo è fratello di un imprenditore coinvolto nella vicenda della Terra dei Fuochi e collaboratore di giustizia: più che sufficiente perché si aprisse la polemica. 
Alcuni attaccano e basta, altri fanno notare un certo doppio standard, che certo esiste ma come nota Massimo Bordin la ritorsione non è mai un grande argomento
Io però leggo queste reazioni, mi ricordo del casino della lobby dei malati di cancro e delle bordate quando iniziarono a spuntare i primi avvisi di garanzia agli amministratori grillini, e penso che no, cazzo, non possiamo anche stavolta finire con l’usare i loro stessi argomenti, la loro stessa logica, il loro stesso manicheismo. Perché sulla storia della lobby dei malati l’unica cosa giusta da dire era “Sì, è vero, certo che sono una lobbyperché lobby non è una brutta parola, e siamo lieti che finalmente l’abbiate capito anche voi”; e sugli indagati l’unica cosa giusta da dire era “Anche secondo noi un avviso di garanzia non equivale a una condanna, perché siamo garantisti sempre, sappiamo bene cosa succede quando si amministra una realtà complessa come un comune o una grande città, e siamo lieti che ora sia diventato chiaro anche a voi come ognuno sia innocente fino a prova contraria e colpevole solo dopo tre gradi di giudizio”. 
Mettersi lì col dito puntato, ripetendo fra sghignazzi e pernacchie “Ahah, lo vedete, parlate tanto di purezza e onestà e poi invece siete come gli altri, anzi pure peggio” non solo è una stronzata micidiale (davvero pensiamo che “onestà” sia quella cosa lì? Davvero?), ma è il miglior modo per aprire la strada alla prossima incarnazione del grillismo, al suo semplicistico moralismo, al suo giustizialismo da manette e forconi. Significa accettare di giocare una partita di imbarbarimento che per definizione non si può vincere, perché Grillo è troppo avanti e lo fa meglio, ma che soprattutto non dobbiamo voler vincere. Perché l’obiettivo – non solo nostro come partito: nostro come opinione pubblica, nostro come “tutti” – è capire che la realtà è una roba complessa che richiede competenze, preparazione e studio, in cui più che il bianco e il nero esistono una miriade di grigi fra i quali bisogna imparare con fatica a districarsi. Banalizzare e semplificare, non andare troppo per il sottile e vantarsene, replicare quegli schemi mentali lì invece è proprio certificare la sconfitta: è ammettere che si è diventati uguali alla destra, a quella brutta.
Per cui, mio caro PD, ti prego: sulla foto di Di Maio, non farti sfuggire l’occasione e di’ la cosa giusta. Ne va di te, del tuo futuro, persino di quello dei tuoi avversari, che possono diventare finalmente “adulti”. Ma ne va un po’ del futuro di tutti noi.

Lettera del giorno dopo

generateThumb

Caro Matteo,

una cosa che ho sempre apprezzato di te è il coraggio di riconoscere la sconfitta.

Io me lo ricordo benissimo il concession speech che facesti nel 2012, quando perdesti il ballottaggio con Bersani alle primarie, e ad ascoltarti pensai che ero orgoglioso di averti sostenuto, che probabilmente c’era davvero spazio nel PD anche per uno come me, e che insomma potevo stare tranquillo: il futuro del partito – che, ero e sono convinto, passava da te – era in buone mani.

Per questo mi ha rassicurato, questa mattina, leggere sui giornali che non ti nascondevi dietro quelle formule un po’ ipocrite a cui avevamo fatto l’abitudine in passato, quei “comunque abbiamo tenuto”, quei “gli elettori non ci hanno capito”, quei “comunque abbiamo vinto a Vergate sul Vattelapesca, un dato importante da non sottovalutare”, tutte quelle non-vittorie che sapevano più di rifiuto della realtà che di analisi ragionata del voto. No, è stata una sconfitta netta e senza attenuanti, in due città cruciali come Roma e Torino, e mi ha confortato sentirtelo dire con certezza, senza esitazioni. Sai, quella storia che riconoscere il problema è il primo passo sulla via della guarigione, hai presente, no?

In quello che ho letto stamattina, però, ci sono anche due cose che non mi sono piaciute molto, Matteo.

Dici che il voto a Torino e a Roma è un voto dovuto alle circostanze locali, non è un voto contro di te. Ecco, secondo me qui ti sbagli. Certo, è vero che le amministrative vanno sempre analizzate in base alle dinamiche specifiche dei comuni in cui si vota, è vero che è bene tenere distinti il piano locale e quello nazionale, ma stavolta gli elettori si sono polarizzati su di te, Matteo: non credo che ci siano state altre elezioni amministrative in cui i programmi dei candidati siano finiti così in secondo piano rispetto alla situazione nazionale del PD e del suo leader. Era successo anche alle Europee 2014: lì era andata bene, stavolta no.

Ora, io lo so che di solito in questi casi ci si lancia in un’analisi della sconfitta introducendola con il più classico dei “il problema è politico”, però io per una volta vorrei andare controcorrente: sì, magari il problema è politico, ma secondo me è soprattutto di comunicazione.

Perché questa sconfitta, credo, è figlia soprattutto dei “gufi rosiconi” e dell’ “Italia dei No”, quella retorica costruita su formule accattivanti e un po’ strafottenti che magari le prime due volte ti fanno sorridere, ma alla terza ti fanno dubitare se oltre alle battute ci sia qualcos’altro. Io lo so che c’è altro, molto altro, ma continuare a ripetere quelle litanie non lo fa venire fuori, anzi: significa al contrario nasconderlo, rinunciare a raccontarlo, a spiegarlo.

E’ per questo che dico che il voto è contro di te, Matteo: perché continuando con quelle battute, siamo arrivati al punto che basta che tu dica una cosa, una cosa qualunque, perché una moltitudine si metta per principio dalla parte opposta, senza nessun riguardo per il merito della questione, ma solo in base a quello che hai detto tu, perché lo hai detto tu. E’ politica, certo; ma è anche politica saper regolare il proprio linguaggio per non cadere in queste trappole.

Ecco, secondo me scegliendo di insistere con quella retorica lì hai offerto il fianco. Hai permesso che quel fronte, dentro e fuori il partito, si compattasse sfruttando ogni occasione possibile per farti pagare questo atteggiamento da bullo, e al diavolo tutto il resto.

Smettila di fare il bullo, smettila di parlare di “gufi rosiconi”: a chi ti critica, rispondi argomentando, non con le battute. In questo modo non solo riuscirai a distinguere le obiezioni costruttive e sincere da quelle strumentali e interessate, ma svuoterai l’arsenale di chi non aspetta altro che una tua sparata per girarsi verso il pubblico e dire “Vedete? Io ho solo posto una questione, e vengo trattato così”, ridendo sotto i baffi – o i baffetti.

Lo so, lo so: si tratta delle stesse persone che rispondevano pure peggio a chi osava criticarli, a chi osava sostenere una posizione diversa. Me lo ricordo bene, io, quando ero uno di quelli che “dovete stare zitti, perché siete giusto il 2% del partito”, quando ero uno degli “alieni” che gli stavano “rubando il partito”. Ma tu sei il Segretario, il tuo compito è cambiare le cose, non usare la stessa moneta; tu sei il Presidente del Consiglio, tocca a te convincere gli elettori – tutti gli elettori, non solo “i nostri” – a votarti. E per farlo devi cambiare registro, letteralmente.

Un’altra cosa non mi è piaciuta, però, ed ha più a che fare col partito.

Molti ti hanno criticato per aver parlato di lanciafiamme. Io invece ti dico: portalo il lanciafiamme, Matteo, ma pure il napalm, guarda. In moltissime realtà locali il partito andrebbe più o meno azzerato e ricostruito da capo, e averci rinunciato una volta eletto Segretario è stato secondo me un errore. Fino a lì doveva arrivare la rottamazione, non fermarsi alle porte dei circoli lasciando che dentro tutto continuasse come prima.

Non attendo altro che tu metta finalmente mano al partito, dunque, ma oggi leggo che intendi farlo partendo dall’organizzazione del referendum, “per capire chi lavora nei territori, chi sono gli alleati interni di cui ci si può fidare”.

Ecco, Matteo: no. Non è questo quello di cui abbiamo bisogno, come partito, di “gente di cui ci si può fidare”. Abbiamo bisogno di una classe dirigente, che abbia competenze e consapevolezza del suo ruolo, dotata di realismo e in grado di attrarre le persone, che conosca il territorio su cui opera e sappia lavorare ai compromessi che la politica richiede, che conosca la tattica e la strategia ma non ne rimanga imprigionata. Quelli di cui “ci si può fidare” erano tutti bersaniani nel 2012, e sono diventati renzianissimi nel 2013: e guarda adesso come stiamo messi.

Sono solo i miei due cents, naturalmente; ma prendili come i due cents di uno del tuo partito, uno che si sente liberale e di sinistra, e che ha ancora fiducia in te.

Un caro saluto,

Edoardo

Io se fossi romano

Roma

Napoli, con De Magistris dato più o meno da tutti come vincente già al primo turno, la do per persa, ma già dal 2011.

Milano boh, è veramente incerta, chissà; e Torino dai, nonostante tutto, credo proprio che sia davvero improbabile che Fassino non ce la faccia. (E comunque, potessi, a Milano voterei Teresa e a Torino Davide, per la cronaca.)

Ma Roma, ecco, Roma è proprio complicata.

Io all’inizio mi ero fatto in testa un film ben preciso, e cioè: da una parte Grillo candida Raggi perché sa benissimo che quel profilo lì può acchiappare a destra, dall’altra Raggi dice cose che sembrano proprio parlare a quella parte lì, e infine Berlusconi candida uno come Bertolaso – una mossa il cui sottotesto a me sembrava essere uno solo: vincere non possiamo né ci interessa, visto il casino che è Roma, e quindi noi vi candidiamo uno invotabile, perché Bertolaso lo odiano tutti indistintamente; dunque, voi romani di destra che piuttosto che votare a sinistra vi tagliate la mano ma uno come Bertolaso lo detestate fatevi due conti, e votate Raggi.

Poi però c’è stato il momento dell’incertezza, vi ricordate, quando il Cav era indeciso se proseguire con Bertolaso o sterzare su Meloni, e a me sembrava che l’ipotesi Meloni fosse fatta apposta per creare furbescamente problemi a Raggi – visto che in parte i bacini elettorali delle due candidate sono sovrapposti.
Ma poi quello se n’è uscito con la mossa del cavallo pazzo – mollare Bertolaso e Meloni e candidare Alfio – e io ho proprio pensato che in realtà era una cosa molto astuta. Brutta eh, ma astuta.

Perché candidare uno come Marchini, che potenzialmente prende da tutti i bacini elettorali, significa certificare l’impossibilità che qualcuno vinca al primo turno, ridurre parecchio i distacchi fra tutti e aprire ufficialmente l’opzione “Casino Totale” per il ballottaggio. È, insomma, un modo per aumentare il proprio peso: in uno scenario in cui comunque non puoi vincere, almeno rompi i coglioni un po’ a tutti.

Quindi, davvero chi lo sa come va a finire lì.

Comunque, nonostante l’incertezza, io se fossi romano a questo giro sarei contento.

Perché per una volta andrei a votare soddisfatto della crocetta che metterei, e dei nomi che scriverei.

Metterei la crocetta su Giachetti sindaco – e chi ogni tanto passa di qui sa già perché – e soprattutto scriverei due bei nomi per il consiglio comunale.

Uno è quello di Anna Paola Concia, l’altro quello di Alessandro Capriccioli, aka Metilparaben.

Io se fossi romano lo farei, e sarei contento.

Amici romani, se domenica voi che potete lo farete, secondo me poi sarete contenti anche voi.

#CiaoMarco, e però

marco-pannella-4-576744_tn
Sì, la tristezza, il dispiacere e il dolore, la sensazione che d’ora in poi a far certe battaglie si sarà un po‘ più soli, ma devo confessare che a me la notizia della morte di Marco Pannella ha fatto soprattutto salire su una enorme, furiosa ed insopprimibile rabbia.
Rabbia non perché sia morto – chi non se l’aspettava, conciato com’era? – ma per lo spettacolo di emozione e commozione che si sta consumando nei media, sui social, ovunque.
Intendiamoci: Pannella meritava, e merita ora, questo e ben altro. Ma molti di quelli che stanno intasando timeline e bacheche con #CiaoMarco sono gli stessi dei Davigo, dei Travaglio, di “buttate via la chiave!”, di “No, questi referendum li ha firmati pure Berlusconi quindi sono contrario”. Gente che pensa cose che Pannella riteneva, giustamente, abominevoli, e che potesse tornerebbe in vita un paio di giorni solo per andare in giro, trovarli uno per uno e prenderli metaforicamente a ceffoni.
Con questo non voglio dire, naturalmente, che ci sia un diritto esclusivo al ricordo e alla celebrazione, che solo chi la pensa come lui possa oggi commemorarlo – e anzi, bene se nel frattempo si è cambiato parere: ma farne un altro santino del nostro Pantheon senza avere la minima idea delle cose che diceva e per cui si batteva è proprio il modo peggiore di ricordarlo, e invece il modo migliore per neutralizzarlo e renderlo inerte, innocuo. Rinchiuderlo con i referendum sul divorzio e sull’aborto in una teca del Museo dei Padri della Patria, e dimenticarselo lì, a prendere polvere. Inutile e inoffensivo.
Una cosa che fa incazzare moltissimo me, che condivido tante delle sue idee ma non amavo particolarmente i suoi metodi,  figuratevi lui.

Ma fosse stato vero, cambiava qualcosa?

virginia-raggi-786907

La spiegazione piuttosto innovativa data da Erasmo d’Angelis, direttore dell’Unità, riguardo alla supposta partecipazione della candidata M5S a Roma Virginia Raggi a Meno male che Silvio c’è, indimenticato e indimenticabile spot di Forza Italia per la campagna elettorale del 2008, a me non ha fatto scattare quella cosa di “Ma come avete ridotto il giornale di Antonio Gramsci!” che, noto, è ormai riflesso automatico per molti.

Non l’ha fatto perché credo di essere abbastanza immune dal complesso del Pantheon, così diffuso a sinistra – e quindi non mi viene da mitizzare né l’Unità né tantomeno Gramsci, perché ho proprio un grosso problema coi santini e gli album di famiglia da sfogliare sospirando.

Mentre però un sacco di gente si dedicava con sforzi degni di miglior causa o a rivedere il video per capire se era davvero lei, oppure a redigere paginate sui social per deprecare la fine della sinistra, a me ha colpito un’altra cosa.

Mi ha colpito che quasi nessuno si sia posto quella che, secondo me, è la vera domanda.

E cioè: ma veramente l’eventuale partecipazione 8 anni fa di un avversario politico – come Raggi – a un’iniziativa di campagna elettorale per Berlusconi è utilizzabile come argomento?

Sul serio il punto è “ma è vero oppure no?”

Sul serio il punto è quello, e non invece che una cosa del genere possa essere ritenuta un appiglio credibile per mettere in difficoltà il proprio competitor?

Insomma, ancora à la guerre comme à la guerre – perché certe eredità concettuali che la diade berlusconismo/antiberlusconismo ci ha lasciato in dono facciamo veramente fatica a buttarle via, e invece quanto staremmo meglio senza.