Cose da 8 marzo

Immagine

I report sul pay gap e il soffitto di cristallo.

“Auguri a tutte le donne, che sono molto meglio di noi maschietti!”

Rosie the Riveter.

Spogliarellisti con addominali luccicanti.

“C’è bisogno di un nuovo femminismo?”

Le quote rosa, tra pari opportunità e meritocrazia.

Fiorella Mannoia.

I danni di Fiorella Mannoia.

“Le donne sono le prime nemiche delle donne.”

Il postfeminism, Bridget Jones, Carrie Bradshaw e i modelli che da emancipatori diventano stereotipo 2.0 – l’avanguardia che a un certo punto diventa retroguardia.

SNOQ e le donne perbene, perché non è vero che siamo moralisti, no no. Sono loro che sono Olgettine.

“Che ipocrisia questa festa dell’8 marzo. La festa delle donne dovrebbe essere tutti i giorni!”

Le meravigliose avventure di Paolo Barnard e il loro ammirevole tempismo.

Parlare di Simone de Beauvoir così, un tanto al chilo.

Gli uomini che dicono “Non mi vergogno di fare il mammo”, e noi che facciamo “oooohhhh” e non ci accorgiamo che è una cosa oscena.

Il congedo parentale obbligatorio.

Rileggersi alcune cose di Judith Butler, e pensare che quando dice che bisogna “disfare il genere” (Undoing Gender, raccolta di saggi del 2004) probabilmente ha ragione lei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...